Pagina personale di:
Carlo Vecchio
appunti di C#, R, SQL Server, ASP.NET, algoritmi, numeri
Vai ai contenuti

R - Gli oggetti in R

R

Gli oggetti in R

Creazione di oggetti

  • Di seguito alcuni esempi di creazione di oggetti.

# Creazione di un oggetto (numerico).
nome_oggetto <- 15
# Creazione di un oggetto, alternativa poco usata.
15 -> nome_oggetto
# Creazione di un oggetto (stringa).
nome_oggetto <- "Leonardo da Vinci"

# Mostrare il contenuto dell'oggetto.
x <- 10
print(x)
[1] 10
show(x)
[1] 10

Oggetti e memoria
  • Ogni volta che un oggetto viene creato, risiede in memoria.
  • Per visualizzare gli oggetti in memoria, utilizzare le funzioni equivalenti ls() e objects().
  • Per rimuovere un oggetto dalla memoria, utilizzare la funzione rm().

# Lista gli oggetti in memoria.
x <- 10
y <- 20
objects()
[1] "x" "y"
ls()
[1] "x" "y"
# Rimuove un oggetto dalla memoria.
rm(x)
# Rimuove tutti gli oggetti dalla memoria.
rm(list = ls(all = TRUE))

  • Dato un oggetto, per saperne il tipo utilizzare la funzione class().

# Tipo di oggetto.
x <- 10
class(x)
[1] "numeric"

Tipi di oggetti
  • I tipi di oggetti di R sono i seguenti:
    • Variabile. Oggetto che contiene un solo dato.
    • Vettore - Vector. Oggetto che contiene un insieme di dati omogeneo, organizzato in una dimensione.
    • Matrice - Matrix. Oggetto che contiene un insieme di dati omogeneo, organizzato in due dimensioni.
    • Array. Oggetto che contiene un insieme di dati omogeneo, organizzato in più di due dimensioni.
    • Fattore - Factor. Oggetto di tipo vettore utili per gestire dati appartenenti a categorie.
    • Lista - List. Sono Vettori che - diversamente da questi - permettono la gestione di elementi di diverso tipo.
    • Dataframe. Hanno la struttura come le matrici ma le colonne sono di tipo diverso. Sono come le tabelle di un database dove le righe sono le osservazioni e le colonne sono i dati.
    • Funzione - Function. Sono oggetti utili per memorizzare calcoli da ripetere come in tutti i linguaggi di programmazione..

 
  • Vettori, Matrici, Arrays, Fattori: I valori devono essere tutti dello stesso tipo (detto 'modo') che può essere: logical, numeric, complex, character o raw.
  • Per identificare il modo, utilizzare la funzione mode().

# Vettore numerico.
x <- c(1, 2, 3)
mode(x)
[1] "numeric"
# Vettore di caratteri.
y <- c("A", "B", "C")
mode(y)
[1] "character"


© 2020 Carlo Vecchio
Torna ai contenuti